Prestiti Personali

Prestiti Personali
I prestiti personali sono finanziamenti non finalizzati all’acquisto di beni e servizi, per cui non vanno motivati. Erogati da banche e finanziarie, esse prevedono il rilascio di garanzie dal cliente e l’applicazione di un tasso fisso.

I prestiti personali sono finanziamenti non finalizzati all’acquisto di beni e servizi, pertanto essi non vanno motivati in fase di richiesta. Sono i tipici prestiti bancari, a cui, in genere, si pensa quando si parla di finanziamenti.

Essi sono erogati dagli istituti di credito (banche e finanziarie) a un tasso fisso e per un periodo di tempo prestabilito, con pagamenti rateali costanti (mensili, semestrali, etc.).
Malgrado fino qualche anno fa fossero di quasi esclusivo appannaggio del sistema bancario, il boom delle finanziarie ha stravolto il quadro di riferimento.

Infatti, nate essenzialmente per sostenere il credito finalizzato, le finanziarie nel tempo hanno ampliato la loro offerta, essendo così oggi molto attive anche nel campo dei finanziamenti personali (a volte, nel linguaggio delle finanziarie, per prestiti personali si intendono anche quelli finalizzati).
Essendo privi di motivazione, in effetti, per una banca o finanziaria erogatrice si pone il problema di cosa il cliente intenda fare della somma richiesta.

Il rischio è che la cifra possa servire a finanziare una situazione economica personale o familiare grave, con alta probabilità di sofferenza del credito.
E’ per questo che, in genere, i prestiti personali non sono erogati per un ammontare molto alto, prevedendo finanziamenti massimi di 30-40 mila euro.

Non solo: chi li eroga pretenderà solide garanzie, anzitutto, in termini di reddito, con la presentazione di una busta paga o il modello unico o cedolino pensione, a garanzia di entrate finanziarie. Inoltre, per cifre alte o qualora il reddito venga considerato insufficiente, è solito che possano richiedersi ulteriori garanzie, come l’ipoteca su un immobile o la doppia firma, ossia l’impegno di un terzo a rispondere in solido del debito in questione.

Le rate da rimborsare possono avere una periodicità mensile (o diversa dal mese) con importi costanti, per cui ciascuna rata sarà costituita da una quota crescente di capitale restituito e da una quota decrescente di interessi.