Acquisto Auto (guida all'acquisto)

Acquisto Auto (guida all'acquisto)
Quando si vuole acquistare un’auto, bisogna verificare bene la convenienza all’acquisto di un mezzo nuovo o usato, se si può godere di qualche incentivo, le condizioni dei prestiti finalizzati e i costi che graveranno sulla vettura, una volta comprata.

L’acquisto di un’auto nuova o usata rappresenta un momento importante nella vita di un individuo o di una famiglia, specie considerando le cifre in questione.

La prima scelta riguarda tra auto nuova o auto usata. A tale proposito, va rilevato che se si è in presenza di incentivi auto, questi potrebbero determinare una maggiore convenienza all’acquisto di veicoli a km zero, purché generalmente di cilindrata non superiore a un certo livello, grazie agli sconti applicati sul prezzo finale.

Un’altra scelta potrebbe riguardare il dove acquistare un’auto usata, se presso una concessionaria o da un privato. In questo caso, molto dipende dalla disponibilità finanziaria dell’acquirente, in quanto gli acquisti da altri privati prevedono di solito che si ha già tutta la somma per il pagamento del prezzo di acquisto, almeno che non si sia in grado o non si voglia accedere a un prestito personale, presso una banca o finanziaria.

Infatti, nel caso in cui non si ha la disponibilità della somma per finanziare l’acquisto di un’auto (usata), la scelta dovrebbe ricadere sulla concessionaria, in cui sarà possibile ottenere, anche grazie alla mediazione dello stesso titolare, un prestito auto finalizzato, che consente di coprire in buona parte il prezzo di acquisto della vettura.

A questo proposito, bisogna considerare che l’acquisto di un’auto a km zero prevede criteri di finanziamento molto più agevoli e convenienti, rispetto a un’auto usata, in quanto si possono ottenere la copertura dell’intera somma (almeno fino a circa 30 mila euro) e un periodo più o meno lungo di rimborso.

Per ottenere un prestito auto è necessario esibire l’ultima busta paga (modello unico per i lavoratori autonomi e cedolino pensione per i pensionati), a garanzia del godimento di un reddito.

Tra i costi di mantenimento di un’auto, oltre a eventuali riparazioni e alle spese per il carburante, vanno inseriti la polizza di assicurazione, il pagamento annuo del bollo e la revisione auto ogni due anni.