Documenti Necessari per il Prestito Auto

Documenti Necessari per il Prestito Auto
Al fine di ricevere un prestito auto, i documenti necessari da allegare alla richiesta di finanziamento sono l’ultima busta paga (modello unico per il lavoratore autonomo e cedolino pensione per il pensionato), copia del codice fiscale e di un documento d’identità.

Quando ci si appresta a comprare un’auto nuova o usata, i vincoli di liquidità che riguardano la maggior parte delle famiglie possono rappresentare un ostacolo all’acquisto, se non si dispone subito di tutta la somma necessaria.

In queste situazioni, ricorrere a un prestito auto potrebbe rappresentare la soluzione ideale, in quanto si riceverà la liquidità aggiuntiva che non si dispone, utile a finanziare l’intera operazione di acquisto del veicolo.

I prestiti auto sono anche facili da trovare, in quanto non è spesso neanche necessario recarsi in banca o in una finanziaria, dato che nella regolarità dei casi sussistono già accordi tra le concessionarie e le società erogatrici di credito, nonché tra le case automobilistiche e queste ultime.

Non solo. Grazie alla mediazione del concessionario, spesso sarà questi a fare da tramite tra il cliente e la società finanziatrice, raccogliendo la documentazione dal primo e presentandola alla seconda, togliendo all’acquirente il disturbo del disbrigo delle faccende burocratiche.

E’ per questo, ad esempio, che in moltissimi casi del genere, il cliente-acquirente dell’auto non riceverà direttamente l’accredito del denaro, per il finanziamento, ma questo sarà canalizzato direttamente sul conto del concessionario, mentre il debitore finanziato dovrà semplicemente curarsi di pagare le rate.
Quanto ai requisiti richiesti, nonostante la moltitudine delle banche e finanziarie erogatrici, essi si possono riassumere nei seguenti: età compresa tra i 18 e i 70 anni; dimostrazione di godimento di un reddito da lavoro. Ciò avviene, esibendo l’ultima busta paga e CUD, se si è un lavoratore dipendente, il modello unico, se si è lavoratore autonomo o libero professionista, cedolino pensione, se si è un pensionato; copia di un documento d’identità, in corso di validità; copia del codice fiscale.

Il soggetto finanziato può, inoltre, scegliere se effettuare i pagamenti delle rate con RID (trattenute dirette da conto corrente) o con i bollettini postali.
Può anche scegliere se ricevere il finanziamento su conto corrente, nel caso dovrà indicare le sue coordinate bancarie, o con assegno, se si reca direttamente in filiale, per sottoscrivere il finanziamento.